Artrosi ginocchio: lipogems, terapia con cellule staminali

Il Lipogems come terapia alternativa nelle fasi di artrosi iniziale-moderata del ginocchio.

 

La gonartrosi, o più semplicemente artrosi del ginocchio, è una delle patologie ortopediche più frequenti nei pazienti over 60, ma l’età media di insorgenza si sta abbassando, così come stanno aumentando gli interventi di sostituzione protesica, anche in relazione all’aumento delle esigenze e richieste funzionali dei pazienti. Molti di essi chiedono spesso di poter rinviare un intervento di sostituzione protesica e “richiedono” trattamenti conservativi.

 

In realtà il trapianto di cellule staminali nasce per trattare le fasi iniziali-moderate dell’artrosi, non le fasi avanzate che richiedono già un intervento chirurgico, anche se può comunque essere presa in considerazione come terapia alternativa in tutti quei pazienti che per diverse ragioni (personali o mediche) non possono o non vogliono sottoporsi ad un intervento di protesi del ginocchio.

La tecnica nasce alla fine degli anni Novanta ma è solo recentemente che si sta diffondendo in Italia. Esistono diversi tipi di cellule staminali (dal cordone ombelicale, dal tessuto osseo e dal tessuto adiposo) ma le più semplici da prelevare sono sicuramente quelle del grasso addominale.

 

La tecnica consiste in una vera e propria liposuzione addominale: il tessuto adiposo viene centrifugato in una apposita centrifuga e vengono così prelevate e cellule staminali mentre il tessuto di scarto viene eliminato. Le stesse vengono infiltrate nell’articolazione interessata nello stesso intervento chirurgico, eliminando così la necessità di sottoporsi a due interventi, come previsto per altre tecniche.

 

Il beneficio di tale trattamento è sia meccanico che chimico: il primo effetto è dovuto all’effetto lubrificante delle cellule staminali (un po’ come l’acido jaluronico), il secondo invece, più duraturo, è dovuto all’azione delle cellule staminali, che attivano una cascata enzimatica che porta un effetto antinfiammatorio ed antiapoptotico, favorendo la differenziazione delle staminali in tessuto cartilagineo (anche se questo è stato dimostrato solo in vitro e non in vivo).

Gli studi dimostrano un importante effetto antalgico e rigenerativo nei pazienti trattati.
La dimissione è prevista per il giorno successivo al prelievo ed il paziente dovrà semplicemente portare una panciera elastica per 15 giorni.
La terapia può anche essere abbinata ad un trattamento nel caso ci sia la necessità di eseguire trattamenti meniscali o cartilaginei.

Leggi sullo stesso argomento in questa pagina dedicata alla medicina rigenerativa e conservativa.

About Author

Related posts

Comments ( 10 )

  • Pingback:Cellule staminali per gonartrosi | Directory Aziende Gratis

  • Rossana Picozza

    Sono una donna di 54 anni. Ero una camminatrice. Ferma per gonartrosi da 4 anni nel ginocchio dx e ora anche nel ginocchio e caviglia sx.
    Cosa mi consiglia di fare?

    • Buongiorno signora Picozza, immagino lei si riferisca alla possibilità di fare le cellule staminali. Per decidere se lei è una possibile candidata è necessario valutare il suo grado di artrosi e capire quali sono le sue condizioni cliniche e le sue aspettative

  • Plinio

    Buongiorno, ho 72 anni e soffro di gonoartrosi ginocchio sx causato da meniscectomia eseguita 15 anni fa. Sarei interessato alla vs tecnica di recupero. Grazie

  • Marcello scutra

    Buongiorno dott. Biazzo
    soffro di gonatrosi nota al ginocchio dx. L’ultima visita con lastra rx rivela una recidiva gonalgia mediale e anteriore al piatto tibiale. ho eseguito le infiltrazioni di acido ialuronico con aggiunta di ozono a metà gennaio di quest’anno. La visione della lastra da parte del mio ortopedico rivela uno stadio al 3° grado .Per evitare da subito l’intervento di protesi ,anche parziale, vorrei sottopormi al trattamento di Lipogems. Pensa sia opportuno?
    grazie per la sua collaborazione
    Marcello

    • Buongiorno si se è un vero grado 3 potrebbe essere indicata la terapia con lipogems. Bisognerebbe ovviamente poterla visitare e vedere le immagini, discutere con lei le sue aspettative, indicazioni all’intervento e i limiti. Grazie

  • Vincenzo Piarulli

    Dottor Bianco buondì… Enzo dalla provincia di Bari. Un eventuale terapia con lipogems all’anca, quanto costerebbe? Ed eventualmente dove è possibile avere visita con lei? Grazie.

Give a comment